CRAC BANCARI :COME PERDERE I PROPRI SOLDI

CRAC BANCARI :COME PERDERE I PROPRI SOLDI

Crac Bancari , sempre nuovi e sempre gli stessi ….

In questi giorni , è notizia su tutti i giornali , sono state “salvate” dal Governo 4 Banche italiane , del Centro Italia, rientranti nella macro categoria delle Banche del Territorio , ovvero quelle Banche a strettissimo contatto e rapporto , anche personale , con i propri Clienti – Investitori .

Dei termini del “salvataggio” da parte del Governo si è detto di tutto ed il contrario di tutto .

La cosa certa è che circa 130.000 piccoli investitori hanno perso tutto o quasi i propri investimenti detenuti nei 4 Istituti Bancari di cui sopra .

Ovviamente, in un periodo già difficile dal punto di vista economico – finanziario per l’intero Paese, questa vicenda , da un punto di vista di vicinanza personale , non può che generare dispiacere nei confronti di chi ha perso i propri risparmi .

Emerge , però , un dato che vorrei evidenziare e che è ricorrente in tutti i grandi crac bancari italiani.

Ovvero , gli italiani , in media, non sanno come sono impiegati i propri soldi; infatti, ci si rende conto, ascoltando in radio le diverse storie raccontate ,che i risparmiatori pongono più attenzione ad una puntata di Beautiful o di Porta a Porta che a come hanno investito i risparmi di una vita .

Infatti , in quelle Banche nessun “correntista” ha perso i propri soldi ; ovvero , non ha perso i soldi chi i propri denari li aveva “depositati” ma chi li aveva “investiti” o “prestati” .

Pertanto , si ascoltano i detentori delle famigerate obbligazioni subordinate accampare pretese di rimborso come se gli fossero stati sottratti soldi dal saldo creditore del conto corrente, ma non è così…

Cerchiamo , allora, di fare brevemente chiarezza su cosa sono Azioni , Obbligazioni, Obbligazioni Subordinate e Conto Corrente .

Solo così , forse, si potrà comprendere cosa è realmente successo .

Affinché possa non accadere più…

AZIONI : Sono titoli rappresentativi di una quota della proprietà di una società , in questo caso la Banca . Gli azionisti concorrono agli UTILI ed alle PERDITE della Banca stessa. Pertanto , gli Azionisti sono SOCI della Banca e ne condividono con essa i destini , fino a poter perdere tutto il proprio capitale investito in caso di default o di azzeramento del patrimonio netto .

OBBLIGAZIONI : L’obbligazione in ambito finanziario è un titolo di debito emesso da una società , in questo caso la Banca , o da enti pubblici che attribuisce al suo possessore il diritto al rimborso del capitale  prestato all’emittente alla scadenza, più un interesse su tale somma. Sostanzialmente chi detiene un’obbligazione bancaria ha PRESTATO i propri soldi alla Banca . Come in qualunque prestito , se il debitore non paga si perdono i propri soldi….

OBBLIGAZIONI SUBORDINATE : Le Obbligazioni Subordinate sono identiche alle precedenti, ma molto più rischiose . Infatti , tali obbligazioni sono assimilabili per certi versi come rischio alle azioni e vengono dopo le obbligazioni ordinarie in caso di riparto a seguito di fallimento . Esattamente quello che è successo con le 4 Banche “salvate” .

CONTO CORRENTE : Il conto corrente è un contratto bancario che consente di gestire i propri soldi (evitando di conservare e trasportare denaro contante) e di usufruire dei servizi offerti dalla Banca, quali ad esempio la domiciliazione delle bollette, l’emissione di assegni, il bancomat , le carte di credito e le operazioni di internet banking . Il Conto Corrente è , difatti, un “parcheggio” dei propri soldi in Banca e non rappresenta un investimento ma un servizio offerto dalla Banca . In Italia i Conti Correnti sono tutelati dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi fino ad un ammontare di € 100.000 per singolo conto corrente.

Da questa distinzione si può comprendere che chi ha perso i propri soldi nelle Banche “salvate” o nei precedenti crac storici , ha perso i propri “investimenti” e mai i propri soldi sul conto corrente .

Pertanto , accertatevi bene di come sono collocati ed investiti i vostri risparmi ed affidatevi a dei professionisti , meglio se indipendenti, per avere un parere su cosa avete nel vostro “paniere” di investimenti .

Per avere chiarimenti o maggiori informazioni su questo argomento potete scrivermi alla mail info@studioleone.biz o chiamare il 3484726017 .

Francesco Leone

www. francescoleonecommercialista.it

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *